Tindari e il turismo, un binomio da valorizzare

15/03/2008 Giornale di Sicilia

Il nuovo programma dell’Associazione Culturale Tindari presentato ieri dal presidente Daniele Giddio

“Tindari ha, turisticamente parlando, potenzialità enormi che purtroppo fino ad oggi non si sono sapute sfruttare adeguatamente. Noi, con la nostra associazione, ci stiamo impegnando per quello che sono le nostre possibilità a dare una spinta perché questo possa avvenire e perché questa località non sia “sfruttata” soltanto durante la stagione teatrale estiva, ma durante l’intero arco dell’anno”. A parlare così è Daniele Giddio, presidente dell'”Associazione Culturale Tindari”, durante la presentazione del programma di quest’anno. L’associazione, in attività da appena due anni, ha la sede nella località tanto cara a Quasimodo e un direttivo (oltre a Giddio, gli altri componenti sono, Andrea e Santina Spanò, Domenica Maggio, Carmelo Tramontana). L’esordio è stato caratterizzato da una serie di manifestazioni tra fede, cultura e tradizioni popolari che hanno riscosso unanimi consensi. Per quest’anno è stato già stilato un programma ancora più interessante e più ricco di iniziative, a partire dal 19 aprile con “Tindari in mountain bike”, organizzata con la Ciclo Tyndaris che darà modo ai partecipanti, oltre che. cimentarsi in una competizione agonistica, di ammirare anche le suggestive immagini di un territorio incomparabile, attraverso un percorso che pochi conoscono, dove non mancano le stradelle poderali e i viottoli, che inizia da Locanda, toccando i Laghetti di Marinello, fino ad Oliveri per tornare a Tindari attraverso la statale 113. A seguire, con il gruppo Micologico jonico-etneo, ha organizzato, nei giorni 17, 18 e 25 maggio, nel Palazzo di Dioscuri di Tindari, un convegno micologico che prevede anche un corso di formazione per il rilascio del tesserino per la raccolta dei funghi. Gli eventi di maggiore richiamo e che si preannunciano, di grande qualità, saranno, tra luglio ad agosto, una serie di manifestazioni musicali, tra le quali spiccano “Note d’agosto sotto le stelle di Tindari”, con corale e orchestra polifonica e “Tindari in musica”, un festival della canzone italiana dialettale, con canzoni inedite e, sulle orme del successo ottenuto con il “Concerto di Natale 2007”, tenutosi nel Santuario della Madonna Nera, intende allargare il numero delle Corali partecipanti, portandole da quattro a sei.

Nicola Arrigo

fonte: Giornale di Sicilia – Sabato 15 Marzo 2008